Contenuto principale

Comunicati stampa

Comitato provinciale per le comunicazioni | 12.02.2019 | 11:34

Il sistema informativo in Trentino Alto Adige

Lo studio dell’Agcom sul mondo dei media rivela che in Trentino Alto Adige/Südtirol il 96% delle persone si interessano alle notizie locali: in prevalenza tramite la TV, ma anche – e molto di più che nelle altre regioni – attraverso giornali e radio.

Quasi tutti gli adulti in Trentino Alto Adige/Südtirol (96%) si interessano alle notizie locali. La parte del leone tra i media utilizzati la fa la televisione (68,5%): in questo, gli abitanti della regione non si differenziano da quelli del resto d’Italia, tuttavia nell nostra regione giornali e radio sono molto più amati. Lo rivela l’indagine sul Sistema informativo regionale 2018 dell’Agcom.

In Trentino Alto Adige/Südtirol quasi una persona su due ascolta quotidianamente la radio per informarsi, mentre la media a livello nazionale è del 24,6%: ciò significa che solo un italiano su 4 utilizza ogni giorno la radio come mezzo d’informazione. Per quanto riguarda i lettori di quotidiani, la differenza è ancora maggiore: il 48,8 % degli abitanti della nostra regione leggono quotidianamente il giornale, mentre nel resto del territorio italiano i lettori sono solo il 17,3%, il che spiega anche perché il calo della vendita di quotidiani è meno drastico, qui, rispetto alle altre province italiane. In quanto all’utilizzo di internet quale fonte di notizie, il nord Italia distacca il resto della nazione di un 10% circa.

Dall’indagine Agcom (allegata), basata su dati raccolti in tutte le regioni, risulta anche che la fonte più importante di notizie in Trentino Alto Adige/Südtirol è il TGR, il telegiornale locale della RAI, compreso quello in lingua tedesca di Rai Südtirol. Seguono i quotidiani Dolomiten e l’Adige, entrambi appartenenti al primo gruppo editoriale della regione, Athesia. La forza del gruppo, misurata in rapporto alla “total audience” nel settore dell’informazione, risulta, dallo studio, pari al 75%.

Lo studio è stato condotto dall’Autorità di garanzia AGCOM con il coinvolgimento dei Comitati locali per la comunicazione.


(MC)